I vini Doc Docg e Igt del Ministero

Doc, Docg e Igt

Dal Ministero delle poliche Agricole



La produzione enologica italiana è caratterizzata da una grande diversificazione tipologica di vini, parte crescente dei quali di grande prestigio nazionale ed internazionale. A tale successo, contribuisce l'azione del Ministero delle politiche agricole e forestali per la valorizzazione di questo prodotto, eccellente esempio del Made in Italy, che da alcuni anni sta riscuotendo un grande successo sui mercati internazionali. L'obiettivo è quello di favorire il consolidamento del successo della produzioni di qualità, rafforzando i contenuti di tipicità, originalità e naturalità del vino italiano. Questo impegno è condiviso dalle Camere di Commercio che contribuiscono alla certificazione di qualità e di valorizzazione, attraverso le 'Commissioni di degustazione' e dalle Regioni che hanno avviato iniziative di valorizzazione di grande significato, come per esempio 'Le strade del vino'.

VINI DOCG
I vini più pregiati sono quelli a Denominazione d' Origine Controllata e Garantita. Questo è un riconoscimento di particolare pregio qualitativo attribuito ad alcuni vini DOC di notorietà nazionale ed internazionale.

Questi vini vengono sottoposti a controlli molto severi, debbono essere commercializzati in recipienti di capacità fino a cinque litri e portare un contrassegno dello Stato che dia la garanzia dell'origine, della qualità e che consenta la numerazione delle bottiglie prodotte.

Presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali è insediato il 'Comitato nazionale per la tutela e la valorizzazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini'.

Il consumatore deve stare attento a leggere bene l'etichetta, dove sono obbligatorie le seguenti informazioni:

- Il nome della regione determinata da cui i vini provengono
- Il nome oppure la ragione sociale dell'imbottigliatore deve essere indicato unitamente alla menzione del Comune o frazione e dello Stato membro in cui l'imbottigliatore ha la propria sede principale.
- Il volume nominale deve essere indicato in litri, centilitri o millilitri
- Il titolo alcolometrico effettivo
- Il lotto di produzione: un insieme di unita di vendita di vino, prodotto o confezionato in circostanze praticamente identiche. Il lotto è determinato dal produttore o dal confezionatore del prodotto alimentare; è preceduto dalla lettera 'L'.

VINI DOC
Si tratta di vini di qualità, originari di zone limitate (di solito di piccole/medie dimensioni), recanti il loro nome geografico ). Le caratteristiche enochimiche (estratto secco, acidità totale, ecc.) ed organolettiche (colore, odore, sapore) devono rispettare i parametri dettati dai cosiddetti 'Disciplinari di produzione', i quali fissano anche i quantitativi di uve che possono essere ottenute per ettaro di vigneto, la resa di trasformazione uva/vino, la gradazione alcolometrica minima naturale ed al consumo, ecc..

In pratica, tutto il ciclo produttivo (dal vigneto alla bottiglia) deve essere conforme a quanto stabilito dal disciplinare di produzione. I vini a denominazione di origine controllata sono controllati, anche qualitativamente: prima di essere posti in commercio devono essere sottoposti ad una analisi chimico-fisica ed organolettica da parte di apposite Commissioni di degustazione, istituite presso ogni Camera di commercio, che accerta la loro rispondenza ai requisiti prescritti dalla legge.

VINI IGT
Infine esistono in commercio 118 vini che riportano in etichetta la sigla IGT 'Indicazione Geografica Tipica' . E' un riconoscimento di qualità che viene attribuito a vini da tavola caratterizzati da aree di produzione generalmente ampie e con un disciplinare produttivo poco restrittivo. L'indicazione può essere accompagnata da altre menzioni, quali quella del vitigno. I vini IGT sono gli omologhi dei francesi 'Vin de Pays' e dei tedeschi 'Landwein'.

Nella scala dei valori enologici gli IGT si collocano immediatamente su un livello inferiore ai DOC e DOCG. L' assegnazione del marchio IGT rappresenta quindi un importante passo in avanti qualitativo per un gran numero di vini italiani, che dopo un quinquennio possono aspirare alla DOC. Ciò significa anche consentire al produttore un' ulteriore diversificazione tipologica dei propri vini per rispondere alle molteplici esigenze del mercato e offrire al consumatore nuove opportunità di trovare sugli scaffali vini a prezzi convenienti.



Serena Food blogger Serena
Inviato Domenica 29 Maggio 2011 alle 18:31 in Formazione


Commenta l'articolo


Nome (Facoltativo):


Indirizzo email (Facoltativo):
Se lo indichi rimane segreto e ricevi notifica automatica dei nuovi commenti a questo articolo.









Eventi 35

Formazione 23

Internet 2

Lavoro 3

Partners 2

Prodotti 25

Promozioni 7

Rassegna 10

Salute 17

Senigallia 7

Squisito 22

Vini 3